Rinnovabili ed energia nel Mediterraneo: nuovi progetti di CESI e Techfem

Rinnovabili ed energia nel Mediterraneo: nuovi progetti di CESI e Techfem

Il Gruppo CESI ha firmato, insieme a Techfem, due importanti accordi per progetti di trasmissione elettrica offshore ad alta tensione per conto di Agnes srl e Interconnect Malta Ltd.

Tali progetti dimostrano il ruolo chiave di CESI e Techfem nel supportare l’adozione e la diffusione di risorse di energia rinnovabile nel Mediterraneo, per fornire, in maniera efficace e sicura, energia pulita all’Italia e all’isola di Malta. L’impegno ingegneristico sarà suddiviso equamente tra CESI e Techfem, opzioni incluse.

L’attività per Agnes riguarda le opere elettriche terrestri nell’ambito di Agnes Romagna: un’iniziativa rinnovabile offshore di produzione eolica e fotovoltaica al largo di Ravenna con una potenza installata fino a 1.100 MW. Le opere comprendono i cavidotti a 220 kV e 380 kV, e la stazione di trasformazione a terra. Lo scopo del lavoro, gestito da un’Associazione Temporanea di Imprese, un RTI con Techfem capogruppo, comprende lo studio di fattibilità, il progetto definitivo del pacchetto onshore e l’assistenza al cliente durante l’iter autorizzativo.

Il secondo progetto, invece, prevede lo sviluppo della Progettazione Ingegneristica di Front End (FEED) e la preparazione della fase EPC (contrattualizzazione per la parte ingegneristica, di procurement e di costruzione) per il secondo sistema di interconnessione elettrica a corrente alternata ad alta tensione (HVAC) tra la Sicilia e l’isola di Malta con una potenza di trasmissione pari a 200 MW. L’infrastruttura riguarda un elettrodotto sottomarino da 220 kV lungo 118 km, i collegamenti terrestri rispettivamente da 19 km e 2 km e l’adeguamento delle stazioni terminali di Ragusa e Maghtab. L’attività preparatoria verrà gestita nei prossimi mesi da un consorzio guidato da CESI.

Press Release CESI – Techfem

  • 25.10.2022
  • |
  • 12.24
Il nostro percorso verso un futuro in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’agenda ONU 2030